Meno inquinamento con i droni usati come corrieri

I droni-fattorino inquinano meno dei corrieri tradizionali

Il loro utilizzo potrebbe ridurre del 9% le emissioni di gas serra

Droni fattorino Amazon Prime

Tempi duri per i lavoratori old-economy, ma sviluppi interessanti per nuove professioni e servizi evoluti. L’ultima notizia viene dall’uso dei droni-fattorino per le consegne dei pacchi a domicilio, dall’ultimo studio pubblicato sulla rivista Nature Communications pare che inquinino meno rispetto ai corrieri tradizionali: il loro uso favorisce la riduzione delle emissioni di gas serra del 9%, secondo la ricerca, il loro uso potrebbero anche ridurre il consumo di energia in questo settore.

Sono stati sperimentati anche in Italia, nella lettura dei contatori per esempio, ma per un uso diffuso è necessario intervenire con delle leggi apposite, l’Agenzia federale statunitense per l’aviazione civile e l’Agenzia europea per la sicurezza aerea sta appunto sviluppando regolamenti per consentirne l’uso.

Lo studio. I ricercatori hanno simulato l’utilizzo dei droni-fattorino in California e Missouri e hanno confrontati le emissioni e il consumo di energia con i sistemi tradizionali di consegna. lo studio mostra che i droni-fattorino consumano meno energia per ogni consegna e per ogni chilometro rispetto ai corrieri tradizionali, ma richiedono, ed è questa ancora la nota dolente, un numero maggiore di magazzini dove stoccare i pacchi e questo fa aumentare il consumo di energia elettrica e le emissioni di gas serra.

La ricerca dimostra che quando i pacchi sono entro gli 8 chilogrammi, e i magazzini sono ben organizzati e dislocati sul territorio, l’uso dei droni favorisce la riduzione delle emissioni del 9%. Solo in queste condizioni però, infatti in mancanza di situazioni ottimali le emissioni possono essere superiori anche del 50%, rispetto ai sistemi di consegna tradizionali.

Ancora un po’ di tempo insomma per i corrieri e i fattorini, prima di correre seri rischi per il proprio posto di lavoro, c’è ancora il tempo per fare un corso di pilota di droni o di sviluppatore per le applicazioni che li gestiranno.

Author: mentibus

Share This Post On